Mercoledì 16 settembre il Vescovo di Acqui, Mons. Luigi Testore ha nominato Barbara Grillo presidente diocesana dell’Azione Cattolica per il triennio 2020-2023.

Barbara Grillo è di Ovada, 49 anni il prossimo 15 ottobre, specializzata in lingue straniere, impiegata presso un’azienda di specialità chimiche e macchine professionali per la detergenza, la disinfezione, il trattamento delle superfici e il trattamento dell’acqua di piscina. Sposata, madre di due figli, negli ultimi 6 anni ha rivestito la carica di responsabile adulti diocesana e da sempre è al servizio attivo nella comunità di Ovada.

Barbara Grillo è stata votata all’unanimità dal consiglio diocesano di AC per poi essere proposta al Vescovo; con la nomina Mons. Testore la incarica di raccogliere il testimone della più importante e diffusa organizzazione laica nella Chiesa (219 associazioni diocesane su 227 Diocesi, 5.461 associazioni territoriali in Italia).

Nella Diocesi di Acqui con i suoi quasi 700 iscritti (di cui oltre 300 con meno di 30 anni) in 17 Associazioni di base, l’Azione Cattolica da oltre 100 anni si impegna per aggiungere il lievito della Buona Notizia nella quotidianità del vivere soprattutto attraverso la formazione sociale-culturale-religiosa e l’attività educativa per tutte le età con i cammini di gruppo. Dal Concilio Vaticano II in Diocesi di Acqui prima di Barbara Grillo sono stati presidenti diocesani Luigi Merlo, Domenico Borgatta, Vittorio Rapetti, Mauro Stroppiana, Davide Chiodi, Marisa Bottero e Flavio Gotta.

LA NUOVA PRESIDENZA DIOCESANA

Insieme a lei compongono la Presidenza Diocesana in rappresentanza degli adulti Emilio Abbiate di Sezzadio (65 anni, sposato con 3 figli ed uno in affido, lavoratore in uno stabilimento di produzione di inerti per l’edilizia) e Silvia Gotta di Nizza Monferrato (40 anni, impiegata, sposata con 2 figli, già presidente dell’Associazione di Nizza-Vaglio), in rappresentanza dei giovani Pietro Pastorino di Masone (27 anni, insegnante di Educazione Fisica) e Chiara Pastorino di Rivalta Bormida (24 anni, laureanda in Scienze della Formazione) per i ragazzi dell’ACR Caterina Piana di Mombaruzzo (27 anni, impiegata nel laboratorio analisi di un’importante cantina sociale) e Carlo Tasca di Sezzadio (24 anni, laureando in Scienze della Formazione), oltre al segretario Paolo Abbiate (31 anni, ingegnere civile), all’amministratrice Anna Maria Dominici (72 anni, pensionata) e agli assistenti-preti don Pavin, don Paolo Parodi, don Claudio Montanaro e don Flaviano Timperi.

Sia in presenza (26) che collegati digitalmente (44) per ascoltare, riflettere e comprendere il quesito referendario su cui saremo chiamati ad esprimerci il 20 e 21 settembre 2020.

L’introduzione di Vittorio Rapetti, le sollecitazioni di Barbara Grillo (AC) e Chiara Libertino (Agesci), le domande del pubblico (in sala e da casa) hanno dipinto un quadro di informazioni molto variegato e preciso.

 

 

 

Un ringraziamento al nuovo Settore Adulti Diocesano dell’AC, a chi ha ospitato l’iniziativa e a tutti coloro che l’hanno sostenuta, in particolare l’Associazione Memoria Viva con la quale sono stati preparati i contenuti.

Audio dell’incontro

Diapositive proiettate

 

I partecipanti alla XVII Assemblea Diocesana

All’Assemblea del 1 agosto 2020 sono state effettuate le votazioni per eleggere il nuovo Consiglio Diocesano. Ecco i risultati:

Per gli adulti: Emilio Abbiate (Sezzadio) , Silvia Gotta (Nizza), Marco Peuto (Canelli), Silvia Re (Ovada), Claudio Foglino (Alice)

Per i giovani: Pietro Pastorino (Masone), Chiara Pastorino (Rivalta), Giacomo Ferraro (Montaldo), Erika Giacobbe (Acqui), Pietro Oberti (Bergamasco)

Per l’ACR: Carlo Tasca (Sezzadio), Caterina Piana (Mombaruzzo), Giacomo Piana (Mombaruzzo), Rachele Ferraro (Montaldo), Pietro Allosia (Canelli)

Per la lista unitaria: Barbara Grillo (Ovada), Claudia Castrogiovanni (Acqui), Flavio Gotta (Canelli), Silvia Cocino (Bruno), Marco Marchelli (Nizza)

La più votata è stata Barbara Grillo con 63 voti su poco più di 80 votanti (101 gli aventi diritto su tutta la Diocesi).

Il 4 Settembre il Consiglio Diocesano si riunirà per eleggere la Presidenza Diocesana e per scegliere la terna da proporre al Vescovo per la nomina del presidente diocesano che rimarrà in carica dal 2020 al 2023

Il Settore Adulti dell’Azione Cattolica Diocesana ha organizzato per il 14, il 16 e il 20 Agosto 2020 tre giornate di ascolto della Parola di Dio, tre giorni in cui insieme, in un luogo adeguato e pronto ad accogliere le persone, si potrà pregare, riflettere, ragionare, stare in amicizia e lasciarsi illuminare dalla Parola di Dio ascoltata in pace e serenità.

Gli incontri si svolgono prevalentemente all’aperto.

L’ambiente permette un corretto distanziamento con il previsto uso delle mascherine, anche in caso di maltempo. I servizi saranno periodicamente sanificati.
Possibilmente ognuno porti con sé la propria Bibbia.
Si richiede di segnalare la partecipazione telefonando o scrivendo un sms a Marisa Bottero 349-3905457, almeno 2 giorni prima della giornata a cui si intende partecipare.

In occasione dell’Assemblea Diocesana, il 1 agosto 2020, il Vescovo di Acqui Mons. Luigi Testore, ha reso nota la nuova formazione del collegio assistenti dell’AC con l’inserimento del nuovo Assistente ACR, don Flaviano Timperi.

Il Vescovo Mons. Testore annuncia il nuovo collegio assistenti

Il saluto di don Claudio Montanaro

Il saluto di don Flaviano

Per bocca del presidente diocesano Flavio Gottatutta l’associazione ringrazia la Chiesa locale per l’opportunità di un accompagnamento fraterno e costante al cammino che a nostra volta, cerchiamo di rendile fertile con tutte le energie che abbiamo, poche o tante che esse siano. Il cammino del Popolo di Dio ci vede coinvolti con tutti noi stessi/e per il fine apostolico della Chiesa. Essere insieme, laici, laiche e clero, nella diversità dei carismi ma coscienti della medesima corresponsabilità, è un valore aggiunto che ci permette di affrontare con speranza viva questo nostro tempo”.

Prima delle nuove nomine, un ricordo riconoscente e affettuoso a don Franco Cresto che a inizio di luglio ha terminato il suo viaggio su questa terra per congiungersi al Padre. Assistente diocesano per oltre 40 anni dell’Azione Cattolica è stato instancabile pungolo alla responsabilità laicale, dolce conforto per il percorso di moltissimi battezzati impegnati, sentinella vigile e focosa del rapporto clero-laici.

NUOVO COLLEGIO ASSISTENTI AC della Diocesi di Acqui

Assistente Generale:
don Giovanni PAVIN
Parroco di “S. Maurizio martire” Terzo (AL) – Presidente commissione per l’ecumenismo – Responsabile per la pastorale dei migranti – Assistente unitario regionale AC
Assistente Adulti:
don PAOLO PARODI 
Vicario Generale – Collaboratore della Comunità Pastorale Mons. Marello – Coordinatore Uffici pastorali – Direttore Ufficio per la scuola – Direttore Ufficio Catechistico – Incaricato del Centro di formazione del Diaconato permanente – Vicario giudiziale Tribunale Ecclesiastico Diocesano
Assistente Giovani:
don CLAUDIO MONTANARO
Parroco della “comunità Pastorale Regina dei martiri” Incisa, Bruno, Castelnuovo Belbo, Bergamasco – Rettore Chiesa “S.Giovanni Battista Santuario Virgo Fidelis”
Assistente ACR:
don FLAVIANO TIMPERI
 
Parroco di “San Giovanni Battista” Alice Bel Colle (AL) – di “Santi Simone e Giuda” Ricaldone (AL) – di “San Giovanni Battista” Maranzana (AT) – Delegato zona alessandrina – Esorcista diocesano – Direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale delle famiglie, anziani e pensionati – Membro del Consiglio presbiterale diocesano e della Commissione presbiterale piemontese

Il presidente diocesano rivolge “un sentito ringraziamento ai presbiteri che hanno accettato l’incarico di assistente diocesano, che si fanno stretti compagni di un cammino pur tra i mille impegni che costellano la vita di chi ha responsabilità ecclesiali. L’essere fratelli uniti nella proposta associativa è per noi occasione di rendere grazie a Dio il cui giogo ci ha promesso essere leggero: vogliamo portarlo insieme, desideriamo sperimentare che la Buona Notizia non è teoria ma una realtà che si può attuare per tutti qui ed ora, in attesa di un Regno che è già qui ma non ancora in modo completo

Si doveva svolgere a Marzo, poi il lockdown ha costretto a rimandare il momento più significativo per il cammino dei laici impegnati in AC e così l’Assemblea Diocesana si terrà sabato 1 Agosto presso i locali del Duomo di Acqui (fin da ora ringraziamo per la disponibilità).

L’Azione Cattolica è un modo di vivere il proprio battesimo nella Chiesa e nella società, tutti i battezzati sono chiamati a farlo, ma organizzarsi e con i preti provare ad essere corresponsabili del cammino di fede delle comunità, aiuta a prenderne coscienza, a incarnarlo nel quotidiano.

Non è facile, serve il contributo di tutti, non ci si riesce da soli! Dai singoli soci ai responsabili parrocchiali e diocesani, dagli assistenti-preti al Vescovo, ai rappresentanti AC nazionali segno di un’associazione poliedrica su più livelli ma unita e con pari dignità.

Ci aiuteremo a leggere il momento attuale, in ascolto della Parola, con fedeltà al dono della vita cercando di scorgere quali strade nel nostro piccolo possiamo calpestare sull’esempio di Gesù .

Inizieremo alle 8,45 con gli arrivi e le registrazioni sul sagrato del Duomo. Si chiede, se possibile, di confermare entro il 28 luglio la presenza (con un whatsapp ai responsabili di AC o scrivendo all’email acquiac@gmail.com).

A seguire, in Duomo, un momento di preghiera, guidato da Domenico Borgatta a partire dal brano che guida il cammino assembleare (Atti 18,10 “ho un popolo numeroso in questa città”).

Alle 10 ci sarà l’intervento del Presidente Diocesano uscente, Flavio Gotta, “Qual è la nostra città? Lo sguardo sulla situazione” e a seguire la presentazione del documento programmatico per i prossimi tre anni.

Dalle 11 ci si dividerà in gruppi per poter ascoltare, dibattere, avere spunti. Ci si dividerà negli spazi del Duomo (chiostro, Salone San Guido, Sala delle riunioni…).

Sarà aperto anche il seggio per le votazioni: i responsabili parrocchiali, la presidenza e i consiglieri diocesani uscenti, potranno votare le 28 persone divise nelle 4 liste (adulti, giovani, ACR e unitaria) per il nuovo consiglio diocesano 2020-2023.

Alle ore 12 il Vescovo Mons. Luigi Testore consegnerà il mandato ai presidenti delle Associazioni di base, un gesto che dice la comunione con la gerarchia e l’incarico che la Chiesa dà ai laici di AC.

Dopo il pranzo al sacco, alle 14, ci si ritroverà nuovamente in Duomo per ascoltare il frutto dei lavori nei gruppi. A quel punto verranno chiusi i seggi e alle 14,30 si ascolteranno gli interventi del Vescovo e dei delegati regionali e nazionali dell’Azione Cattolica.

Un ultimo passaggio alle 15,30 per considerazioni, emendamenti ufficiali al documento assembleare quindi l’approvazione delle linee guida e la proclamazione degli eletti al Consiglio Diocesano.

Alle 16,30 tutto sarà terminato.

Si è scelto il sabato e si vuole finire presto per poter avere la presenza e il contributo anche dei preti, di chi con noi laici condivide la responsabilità della Chiesa e che, come laici di AC, il Concilio ci invita a vivere in prima linea per “il fine apostolico della Chiesa”.

Quest’anno sarà un modo particolare per sentirci in comunione con don Franco Cresto, assistente per 40 anni dell’AC Diocesana (prima ACR e poi Assistente Generale), che ha sempre insistito su questo carattere fondamentale dell’AC.